TEXANO SI FA SPEDIRE TERRA IN ITALIA PER FAR NASCERE IL FIGLIO SU SUOLO USA

Il legame con le proprie origini, si sa, puo’ essere davvero molto forte. Ne sa qualcosa Tony Traconis, paracadutista statunitense in servizio in Italia, che appena avuta notizia della dolce attesa della compagna si e’ fatto venire un’idea tanto romantica quanto bizzarra.

Volendo a tutti i costi che il primogenito nascesse in suolo texano, si e’ fatto spedire dai parenti un po’ di terriccio della sua casa di Austin, per poi portarla in ospedale senza dare nell’occhio e nasconderla sotto il letto. L’idea dell’uomo, raccontata da lui stesso sui social, e’ iniziata nel mese di luglio, quando si e’ fatto spedire la terra in un contenitore tramite corriere, per la “modica” cifra di 222 dollari.

Il 16 agosto la moglie del militare ha dato alla luce il piccolo Charles Joseph in Veneto, con sotto il letto quel contenitore pieno di terriccio arrivato appositamente per il lieto evento dagli Stati Uniti, per la felicita’ di papa’ Tony, che ha postato: “Nato in un ospedale italiano, su suolo del Texas, nella giornata nazionale delle Forze Aviotrasportate. Charles Joseph Traconis, ti amo”.

Qualche giorno fa Tony nel suo profilo ha postato una foto dei primi passi di suo figlio su quella terra che gli e’ tanto cara, riversata sopra una bandiera del Texas.

Insomma, il piano e’ andato a buon fine.

Lascia un commento